Networking Planet

Ecopsicologia in azione

Il progetto è appena nato. Ve ne ricordo le principali linee guida:

 

Progetto intenzionale per promuovere consapevolezza delle proprie ricchezze personali, culturali e ambientali tra i giovani di quei paesi in cui ancora la relazione con la terra non è stata distrutta completamente dal mito del progresso ma in cui le coscienze dei giovani sono distratte e abbagliate dal mito del consumismo.

Messaggi per riconoscere il proprio potere individuale e collettivo nei confronti delle piccole e grandi scelte, dei modelli di vita proposti e di quei valori sentiti come più autentici. Inviti all’autonomia, responsabilità e creatività nel disegnare i propri percorsi di vita partendo dalle risorse disponibili per dirigersi verso le mete desiderate, nel rispetto di una visione più ampia di sé e del proprio operato nel processo della vita su questa Terra.

 

Al momento mi limiterei a percorsi di 1 3 o massimo 5 incontri, per una durata di 1, 2 o 3 ore al massimo, in modo di facilitarne la messa in pratica anche da chi non ha seguito formazioni specifiche.

 

Entro Natale sarà dispnibile il copione del percorso Albero Stella, che potrà anche essere sperimentato con i nativi italiani.

 

 

Visualizzazioni: 97

Allegati:

Rispondi

Risposte a questa discussione

Solo una riflessione sul terremoto di ieri in Spagna.

  Il giorno 11 maggio si è verificato un terremoto fortissimo nel Sud della Spagna. Molti anni fa il sismologo “eretico” Raffaele Bendandi di Faenza aveva previsto esattamente per quel giorno un terremoto nella città di Roma.

  Roma e la Spagna, viste sul mappamondo, sono vicinissime. Naturalmente gli scienziati “ufficiali” materialisti-meccanicisti-riduzionisti si sono affrettati a dire che il terremoto in Spagna non c’entra assolutamente niente con le “fantasie” di Bendandi: ne sono certissimi, in nome delle “leggi fisiche”. Come al solito, se la cavano attribuendo tutto al caso, senza neppure specificare che le probabilità di una simile “coincidenza” sono piuttosto basse.

  L’idea che Bendandi stesse in realtà studiando su “sincronicità” junghiane (anche se probabilmente non lo sapeva) non li sfiora neppure, dato che gli scienziati “ortodossi” si curano delle “sane” leggi della materia e Jung si occupava delle “fantasie” dell’inconscio. Di solito non sanno neppure che Jung aveva intrattenuto una lunga corrispondenza con Wolfgang Pauli, uno dei maggiori scienziati dei “trent’anni che sconvolsero la fisica”. Forse l’Inconscio Collettivo (Ecologico) e il Campo di Planck sono la stessa cosa, cui erano arrivati per vie molto diverse.

  La scienza “ufficiale” cartesiana espelle chi osa “mescolare” mente e materia. Si comporta sostanzialmente come la Chiesa al tempo di Galileo, anche se con una differenza sostanziale: allora chi non si adeguava al paradigma ufficiale finiva al rogo, oggi finisce in fondo a un corridoio, senza finanziamenti e con uno stipendio molto misero, quando va bene.

Molto interessante questo progetto!
Nel frattempo ha avuto qualche sviluppo?

Rispondi alla discussione

RSS

© 2020   Creato da Marcella Danon.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio