La ballata dell'Uomo-Orso di Jelsi (CB)

Vista 106
Ottieni il codice integrato
Fra i riti di propiziazione di fertilità invernali, a Carnevale nel periodo di passaggio tra due stagioni, che si svolgevano o tuttora si svolgono in Molise con correlazioni storico-antropologiche di altre parti del mondo, troviamo a Jelsi l’Uomo-Orso, una maschera zooantropomorfa, con il Ballo dell’Orso (U Ball dell’Urz).Si tratta di un rito che che secondo alcuni studiosi si ricollega ad alcune cerimonie invernali di fertilità, con la morte che cela al suo interno la rinascita, la vita; per altri studiosi esso và ricondotto all'archetipo del sacrificio del caprio espiatorio che, con la sua morte, purga la comunità delle colpe commesse.L'interpretazione che il regista Pierluigi Giorgio ne dà attraverso le rime, è anche di tipo psicologico: la paura del diverso o di quella parte di sé libera e selvaggia occultata e rimossa dall'individuo o dalla comunità.

Per aggiungere dei commenti, devi essere membro di Networking Planet!

Join Networking Planet

Inviami un'e-mail quando le persone lasciano commenti –